Iscrizioni. Al liceo classico perso in 4 anni il 10% degli iscritti, ma gli studenti sono i più bravi

Al liceo classico si iscrivono sempre meno studenti, ma sono ancora i più bravi in assoluto.

Nel 2013 furono circa 170.000, oggi a frequentarli sono solo in 148.000; una flessione di oltre il 10% di cui hanno approfittato altri indirizzi, in particolare i licei linguistici che nello stesso periodo hanno visto incrementare il numero di alunni di quasi 50.000 unità.

Mantiene la media lo scientifico (sempre sopra i 550.000 iscritti) e l’artistico (stabile attorno quota 100.000 alunni). Nell’ultimo quadriennio circa 1,2 milioni i ragazzi che scelgono di iscriversi al liceo. Restano invariate le quote sia negli istituti tecnici che in quelli professionali: sopra le 800.000 unità i primi, oltre i 500.000 iscritti i secondi.

Il tasso di promozione al liceo classico è del 96%, allo scientifico e al linguistico è del 93%, il restante 4% al massimo è stato bocciato una volta sola nel quinquennio. Stesso discorso per il voto di maturità: 1 diplomato ‘classico’ su 4 ottiene più di 90 (al linguistico solo il 20%, allo scientifico appena il 18%); più del 10% arriva addirittura a 100. A contribuire a questi risultati sono soprattutto le ragazze, visto che quasi il 70% della popolazione studentesca dei licei classici è composta da femmine (in assoluto la quota più alta, insidiata solo dall’alberghiero, in cui le ragazze sono il 66% del totale).

Tre ragazzi su 4 iscritti al classico provengano da classi sociali elevate (addirittura il 46%, contro una media generale del 25%) o perlomeno appartenenti al ceto impiegatizio (il 29%). Importante anche il fattore genitori: più della metà dei liceali del classico (il 57%) ha entrambi i genitori laureati, allo scientifico si scende al 41% e, negli altri indirizzi al 25%.

OrizzonteScuola -12 gennaio 2017